Crudêl Joibe Grasse e Romeu e Juliete

20190227

Note FOGOLÂR CIVIC pe stampe taliane – Udin, 27 Fevrâr 2019

VENTENNALE DELLE RIMEMBRANZE CIVICHE UDINESI DELLA “JOIBE GRASSE”

Il Fogolâr Civic ritorna al Pozzo di San Giovanni a Udine per rinnovare moniti e auspici connessi al ricordo della prima grande rivolta popolare dell’Europa moderna, la cui vicenda ha potuto intrecciarsi con la più grande storia d’amore di tutti i tempi, immortalata da William Shakespeare. Riconoscimento fogolarista a Laura Zanelli, valida promotrice del mito friulano di Romeo e Giulietta.

Occasione di auspici sociali e di civici moniti quella dell’anniversario della rivolta popolare friulana della “Joibe Grasse” 1511, memoria politica di una lacerante divisione civile che si riconnette anche alla vicenda storica reale che dovette ispirare il mito letterario immortalato da Shakespeare nella tragedia di Romeo e Giulietta. Per il ventennale delle civiche rimembranze pubbliche di quella che fu la prima grande ribellione antifeudale dell’Europa moderna, scoppiata a Udine, presso il Pozzo di San Giovanni, il 27 febbraio 1511, il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico “Fogolâr Civic”, guidato dal prof. Alberto Travain, sodalizio promotore storico di quelle memorie nell’attualità, ha rinnovato, nella serata del 26 febbraio 2019, l’usuale incontro commemorativo presso il summenzionato pozzo, desiderando, infatti, associare le rimembranze dei moti plebei della “Joibe Grasse”, con il loro carico monitorio nei riguardi dei potenti di turno, alla memoria del colpo di fulmine, scoccato la sera precedente al tumulto, durante un ballo di carnevale presso il palazzo dei Savorgnan, da cui, trasfigurata ed idealizzata, dovette procedere la storia d’amore celebrata dal Bardo dell’Avon. Incrociate, una rosa banca ed una rossa, a contrasto, sono state deposte, quindi, presso la vera da pozzo “non originale, avendo il Comune insensatamente posto quella autentica nella moderna Piazzetta Belloni”. Un’occasione anche per riconoscere l’impegno personale importante della sodale dott.ssa Laura Zanelli, alla presidenza dell’Associazione Giulietta e Romeo in Friuli, “irriducibile promotrice delle matrici locali del grande mito affettivo globale”, cui il presidente prof. Travain ha voluto tributare un cortese omaggio floreale a nome di tutta l’organizzazione, “morale incentivo a perseverare nella promozione di un salutare Rinascimento dei sentimenti d’affetto e lealtà in una terra friulana da riconquistare ad una positività solidale”: “Un mac par Laura Zanelli nestre, puartebandiere di une Furlanie patrie e crosere di afiets tal troi de liende mari di Romeu e Juliete”: questa la dedica, in buon friulano, alla promotrice culturale che in occasione delle celebrazioni della festa internazionale di San Valentino 2019 ha saputo, con grande tenacia, riproporre alla ribalta sociale la questione delle origini friulane dei personaggi di Romeo e Giulietta, al secolo Luigi Da Porto e Lucina Savorgnan del Monte. Tra le rappresentanze convenute, per il Fogolâr Civic, la segretaria movimentale sig.ra Iolanda Deana con le militanti maestra Manuela Bondio, sig.ra Marisa Celotti, sig.ra Milvia Cuttini e sig.ra Paola Taglialegne nonché il priore Giuseppe Capoluongo, della Confraternita del Santissimo Crocefisso. Per il Club per Unesco di Udine, presenti i sodali sig. Mauro Diana Dettori, sig. Giovanni Papinutti, dott.ssa Maria Vittoria Zangrì. Indirizzi di saluto specifici sono giunti dal cameraro presidente dell’Arengo cittadino udinese, prof.ssa Renata Capria D’Aronco oltreché da don Tarcisio Bordignon, cappellano sociale del Fogolâr Civic. Presenti anche rappresentanze del Circolo Universitario Friulano “Academie dal Friûl”, del Coordinamento Euroregionalista Friulano “Europa Aquileiensis”, del Coordinamento Civico Udinese “Borgo Stazione”. Avendo rotto le relazioni diplomatiche con il Comune, accusato di conclamata indisponibilità ad un serio dialogo programmatico, nessuna rappresentanza municipale ha presenziato all’evento, poiché ufficialmente non invitata.

Precedente Crudel Zobia Grassa e Romeo e Giulietta Successivo Schoolchildren remember the Friulian Cruel Carnival