EuroAquileienses 17.09.2021/I (it)

Comunicato FOGOLÂR CIVIC alla stampa italiana – Udine, 17 settembre 2021

ITALIA SOTTO LA TIRANNIDE DI UN GOVERNO E UN PARLAMENTO INSENSATI!”

Chi può vivere senza lavorare resista anche per chi non può farlo!”: questo il commento del presidente dello storico movimento civista friulano “Fogolâr Civic” di Udine, prof. Alberto Travain, in seguito agli ultimi provvedimenti governativi di contrasto al Covid19.

…Come se la malattia superata non costituisse naturale vaccino! Difficile, insomma, non pensar male dei nostri governanti e parlamentari! Considerare, riguardo al green pass, una validità di dodici mesi per i vaccinati e sei per i guariti scopre definitivamente le carte sull’insensatezza dei disposti anti-Covid di cui è responsabile il Governo italiano insieme al Parlamento che lo spalleggia. Un Governo, uno Stato, una Repubblica intera, mostratisi incapaci di gestire seriamente il distanziamento sociale a partire dal sistema dei trasporti e, diciamocelo pure, anche delle “movide”… Un Governo, uno Stato, che, a macchia di leopardo, hanno sinora imposto ingiustificati obblighi perentori ad alcune categorie, liberando altre arbitrariamente… Abbiamo visto i clienti dei ristoranti soggetti a green pass e camerieri esentati! Che cos’è questa, se non tirannide, insensato esercizio e quindi illegittimo del potere? Ora, la speranza è che almeno i più agiati tra noi, chi non deve sbarcare il lunario, possano e sappiano farsi valere anche per chi non può farlo, in questa Repubblica che muta in chiacchiera i sacri principi egualitaristi della sua sbandierata Costituzione. Chi ha i soldi può reggere senza lavorare e superare così l’emergenza senza piegarsi a questa tirannide! Senza green pass non si può lavorare e, senza lavorare, soltanto i ricchi ed i pensionati possono tenere. Bella Repubblica democratica! Bello Stato, che non osa imporre, ma subdolamente costringe all’obbligo! Chi può resista anche per chi non può!”. Amara ed acre la valutazione del presidente del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico “Fogolâr Civic” di Udine ossia la Capitale del Friuli Storico, dopo gli ultimi provvedimenti governativi volti al contrasto della pandemia. “Naturalmente delle conseguenze individuali e collettive di tutto ciò, lo Stato, il Governo, il Parlamento, le solidali forze politiche cooperanti a tale stato di cose, dovranno assumersi pesantemente la responsabilità di aver leso i diritti naturali di autodeterminazione di ogni individuo. Per l’economia può andar bene così, ma l’economia non è democratica come la Costituzione andata ancora una volta nel cassetto!”.

Precedente EuroAquileienses 17.09.2021/I (en) Successivo EuroAquileienses 17.09.2021/I (fur)